A Roma dai Celti. Gli apporti celtici all’arte della guerra romana.

Nell’immaginario collettivo, esiste una netta contrapposizione tra i civilizzati e ordinati legionari romani e i guerrieri celtici, visti solo alla stregua di barbari ignoranti e seminudi, sempre bellicosi ma praticamente incapaci di combattere. Certamente è vero che i Romani in più occasioni dimostrarono sul campo la loro superiorità bellica sulle popolazioni celtiche. Ma i Galli … More A Roma dai Celti. Gli apporti celtici all’arte della guerra romana.

Alessandro Magno vs Roma. L’ucronia di Tito Livio

“La Storia non si fa con i se” è una (noiosa) frase che prima o poi chiunque ha sentito dire.Come se chiedersi “cosa sarebbe successo se…?” fosse una prerogativa moderna, mai praticata nemmeno dagli storici. Sapete invece che una delle prime ucronie a noi note, se non la prima, è a firma dello storico romano … More Alessandro Magno vs Roma. L’ucronia di Tito Livio

La battaglia di Mu’tah (629). Il primo scontro tra Romani e Islam

Nel 629, Maometto porta a termine una prima unificazione dell’Arabia sotto i vessilli della nuova religione della quale è il Profeta, l’Islam. Dopo aver concluso un patto di alleanza i suoi nemici più ostici, i Quraysh della Mecca, Maometto inizia a guardare a nord. Il Profeta invia lettere ed emissari a tutti i sovrani confinanti … More La battaglia di Mu’tah (629). Il primo scontro tra Romani e Islam

Recensione: “A Roma da Cartagine. La spada e lo scudo del legionario repubblicano”, di Gioal Canestrelli

Titolo: “A Roma da Cartagine. La spada e lo scudo del legionario repubblicano” Autore: Gioal Canestrelli Anno prima pubblicazione: 2021 Editore: Leg Se cercate un saggio che sia godibile da leggere, realizzato con la massima accuratezza e che vi lasci anche arricchiti di nuove conoscenze e concetti, “A Roma da Cartagine. La spada e lo … More Recensione: “A Roma da Cartagine. La spada e lo scudo del legionario repubblicano”, di Gioal Canestrelli

Recensione: “Per un pugno di barbari”, di Marco Cappelli

Titolo: “Per un pugno di barbari. Come Roma fu salvata dagli imperatori soldati” Autore: Marco Cappelli Anno prima pubblicazione: 2021 Editore: Solferino “Per un pugno di barbari” non è il solito saggio. Ma forse proprio per questo è uno dei modi migliori per approcciarsi al III sec. d.C., uno dei periodi più complessi e spesso … More Recensione: “Per un pugno di barbari”, di Marco Cappelli

L’abbandono (non calcolato) della Britannia

Nel corso della Storia romana, più volte territori romani sono stati volontariamente abbandonati, di solito perché diveniva impossibile assicurarne la difesa (es. Dacia e Agri Decumati). Usualmente associamo questo fenomeno anche alla Britannia, abbandonata al proprio destino, con una data ben precisa: il 410 d.C. In realtà, l’abbandono dell’isola fu un processo lungo e, soprattutto, … More L’abbandono (non calcolato) della Britannia

Augusto era davvero disinteressato alla Germania?

Ultimamente mi è di nuovo capitato di leggere che, per Augusto, la Germania non fosse altro che una foresta senza risorse, e che il princeps dovette inviare le legioni a controllare l’area “suo malgrado”. Naturalmente, niente di più sbagliato. La Germania era scientemente uno dei grandi obiettivi di conquista della politica augustea (al contrario della … More Augusto era davvero disinteressato alla Germania?

I Romani avevano un saluto militare?

Nell’immaginario collettivo, il legionario romano tra repubblica e alto impero immancabilmente ce lo figuriamo nel fare un saluto a braccio destro disteso, dopo essersi battuto il pugno sul cuore. Ma i Romani lo facevano davvero? O meglio, i Romani avevano un saluto militare? Partiamo dalla seconda domanda, per rispondere anche alla prima. Sì, i Romani … More I Romani avevano un saluto militare?