Perché i legionari portavano il gladio a destra?

È più che noto che il legionario romano, dalla Repubblica fino al III secolo, portasse il gladio appoggiato sulla coscia destra – esclusi i centurioni, che lo portavano a sinistra.

Come mai questo modo particolare di portare l’arma?
Comunemente si reputa che il gladio fosse indossato a destra per fattori eminentemente pratici, dovuti alla compattezza delle formazioni e all’ingombro degli scudi, che avrebbero impedito altrimenti un’agevole estrazione dell’arma.
Ebbene, una tale ipotesi in realtà non regge troppo a un’analisi più attenta.

In formazioni compatte tanto quanto, se non più, di quelle legionarie, come gli schieramenti oplitici, dove si faceva uso di armi bianche lunghe circa quanto un gladio, questa necessità non è mai stata sentita.
Infatti le spade di derivazione ellenica, come xiphos e kopis, erano indossate a sinistra anche dai Romani, già prima dell’introduzione del gladio.

Giova inoltre ricordare che probabilmente non era nemmeno così comodo estrarre da destra i primi gladi introdotti nell’esercito romano: il gladio ispaniense è infatti un’arma decisamente lunga, tra i 70 e gli 80 cm totali, ed estrarla da destra con la stessa mano non è un’operazione molto agevole.

L’esperienza rievocativa, anche di chi scrive, conferma inoltre che in una formazione chiusa, avere l’arma a sinistra o a destra è irrilevante, in termini di eventuale impaccio.

Per cui, da dove deriva tale uso?

Portare il gladio a destra, lungi quindi dal nascere da esigenze di carattere pratico da ascrivere alle tattiche romane, è un uso che i Romani acquisirono dai Celti.

L’arte antica che raffigura i Celti, particolarmente tra IV e III sec. a.C., nella quasi totalità dei casi ci mostra guerrieri con l’arma appoggiata sulla coscia destra.
I soldati romani del periodo tra la calata dei Galli in Italia e la fine della Seconda Guerra Punica adottarono anche le spade lateniane dei loro rivali, per tramite di altre popolazoni italiche (che le adottarono a loro volta) e il loro peculiare sistema di sospensione sulla destra.

In seguito, da queste spade si andò ad adottare il gladio ispaniense, di derivazione celtibera: un’arma egualmente lateniana, che veniva portata sulla destra.
Oltre a copiare l’arma, i Romani adottarono dunque anche il modo di portarla.

Statuetta raffigurante n guerriero celta, oggi all’Ashmolean Museum.

Portare la spada a destra aveva, invece, per i guerrieri celtici un valore pratico. A differenza degli scuta italico-romani, concavi, il thyreos usato dai Celti era a tavola piatta: in quel caso, l’estrazione della spada da sinistra sarebbe stata possibile solamente spostando lo scudo ed esponendosi.

Si può quindi dire che i Romani finirono per portare il gladio sulla destra non per ragioni eminentemente pratiche, ma più banalmente per assimilazione e copiando l’uso e l’arma da altri popoli – una pratica che, del resto, è stata quella che ha permesso all’esercito romano di diventare quello che è stato, nel corso dei secoli.

Letture consigliate

G. Canestrelli 2010, I Celti e l’arte della guerra. Dal V al I sec. a.C.

G. Cascarino 2007, L’esercito romano. Armamento e organizzazione. Vol.I


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s