Hiberna. Vita nei campi militari invernali

L’immagine “classica”, a volte stereotipata, dell’esercito romano – si intende qui il periodo tra la fine della Repubblica e i primi due secoli di impero – ce lo dipinge, durante campagne militari, sempre impegnato costruire un accampamento fortificato non permanente ogni volta che doveva accamparsi.

Cosa succedeva però, durante i mesi invernali, quando gli eserciti erano fermi?
E come vivevano i soldati di guarnigione agli estremi limiti dell’impero, in Britannia, in Germania, o sui monti dell’Atlante in nord Africa (dove il clima, specie in inverno, non è certo mite)?

I castra hiberna, al contrario degli accampamenti durante le campagne militari (castra aestivi), erano acquartieramenti fissi, solitamente più grandi dei loro corrispettivi estivi mobili.

Dal loro essere statici anche il loro nome alternativo di castra stativa.

Invece delle tende (tabernacula), erano edificate costruzioni fisse, in legno o muratura (hibernacula).

Tali accampamenti non erano costruiti solo per la permanenza delle truppe in un determinato luogo durante l’inverno, ma anche se tale presenza si fosse dovuta protrarre, in generale, per diversi mesi.

Divenendo spesso permanenti, gli hiberna divennero in diversi casi la base di molti insediamenti. Spesso, un abitato “civile” sorgeva subito fuori il castrum: qui dimoravano e operavano mercanti, artigiani e le famiglie dei soldati.
Da questa combinazione di accampamento e abitato esterno, si costituiva spesso una nuova città.

Nonostante le differenze di costruzione, la vita nei campi invernali era tutto sommato quasi identica a quella dei campi estivi, compresi gli addestramenti (non giornalieri) e l’acquartieramento delle truppe.
I soldati, pur non utilizzando le tende, usavano casematte atte a contenere una decina di uomini, esattamente il contubernium che trovava alloggio nelle tende militari.

Tra le differenze maggiori rispetto ai campi estivi, naturalmente, vi era l’abbigliamento dei soldati.

Già dal I sec. d.C., nell’usuale equipaggiamento dei legionari non sarebbero mancati pesanti mantelli, calze e indumenti copiati dalle popolazioni maggiormente abituate a climi più rigidi (es. Galli e Germani), come pantaloni e tuniche pesanti a manica lunga, nonché fasce per proteggere le gambe.

Immagine di hiberna tratta da Focus Storia Wars n. 32. 

Bibliografia essenziale

G. Cascarino 2008, L’esercito romano. Armamento e organizzazione. Vol. II.

A. Goldsworthy 2011, The Complete Roman Army


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s